DocEasy WebApp

Fattura Elettronica: nuove specifiche tecniche del tracciato XML

Il provvedimento del direttore dell’Agenzia delle entrate del 28 febbraio 2020 ha definito le nuove specifiche tecniche del tracciato XML che potranno essere utilizzate dal 1 ottobre 2020. A partire da questa data, fino al 31 dicembre, ci sarà un periodo transitorio in cui il Sistema di Interscambio accetterà anche le attuali fatture elettroniche basate sulla versione 1.5 delle specifiche tecniche mentre, dal 1 gennaio 2021, tutti dovranno adeguarsi alle nuove specifiche passando alla versione 1.6.1.

COME CAMBIA DOCEASY
Per fare in modo che gli utenti possano abituarsi alle modifiche nei mesi di coesistenza dei due tracciati, abbiamo liberamente scelto di rendere disponibili da subito le novità introdotte per il nuovo tracciato.

Non c’è alcun obbligo infatti nell’utilizzo dei nuovi valori inseriti, ma il compilatore DocEasy, aggiornato come da normativa, sarà da subito a disposizione e l’utente potrà scegliere se utilizzarli o meno: gli utenti potranno scegliere se emettere fatture includendo i nuovi campi e valori già dal 01/10/2020, data dalla quale è opzionale l’utilizzo del nuovo tracciato.

  • Sono stati introdotti tutti i nuovi valori utilizzabili come definito dalle specifiche tecniche.
  • L’introduzione delle nuove tipologie documento prevede una specifica gestione dei soggetti Cedente/Prestatore e Cessionario/Committente; per questo è il primo campo disponibile da valorizzare e, in base al valore scelto, DocEasy provvede all’eventuale inversione o copia dei dati preimpostati per il soggetto emittente nelle posizioni corrette.
  • È stata aggiunta la possibilità di indicare uno sconto/maggiorazione anche sul totale documento e non solo sulle singole righe.
  • È stata aggiunta la possibilità di inserire documenti XML nei formati precedenti a quello attualmente in uso affinchè sia possibile conservarli. I formati XML relativi ai documenti emessi e ricevuti prima del 2017, anche se non specificato e considerato che verrebbero scartati da SdI, vengono automaticamente impostati come solo “archivio” e non sarà possibile inviari a SdI.
  • Sono inoltre stati aggiornati i controlli nel compilatore per segnalare eventuali difformità, così da poter correggere i dati prima che la fattura venga inviata e scartata da SdI.

PERCHÈ CAMBIA DOCEASY
A cosa è dovuto questo aggiornamento?
È consigliabile adottare i nuovi codici poiché consentiranno di evitare alcuni adempimenti, come ad esempio l’esterometro, grazie all’introduzione delle nuove tipologie documentali da utilizzare per le operazioni effettuate con soggetti non residenti o stabiliti nel territorio dello Stato, ma anche perché permetteranno di alimentare in modo puntuale le precompilate IVA.

In questo modo l’Agenzia delle Entrate potrà mettere a disposizione dei soggetti Iva le bozze dei registri Iva delle fatture emesse e degli acquisti, oltre che le comunicazioni delle liquidazioni periodiche dell’IVA; per le operazioni IVA effettuate dal 1 gennaio 2021, saranno messe a disposizione anche le bozze delle dichiarazioni annuali dell’IVA.

QUALI SONO LE NOVITÀ
Le principali novità della nuova versione del tracciato sono le seguenti (cliccare qui per i dettagli):

NUOVE TIPOLOGIE DOCUMENTO
Per una più corretta contabilizzazione sarà possibile selezionare una tipologia documento ad integrazione di quelle preesistenti:

  • TD16 Integrazione fattura reverse charge interno
  • TD17 Integrazione/autofattura per acquisto servizi dall’estero
  • TD18 Integrazione per acquisto di beni intracomunitari
  • TD19 Integrazione/autofattura per acquisto di beni ex art.17 c.2 DPR 633/72
  • TD21 Autofattura per splafonamento
  • TD22 Estrazione beni da Deposito IVA
  • TD23 Estrazione beni da Deposito IVA con versamento dell’IVA
  • TD24 Fattura differita di cui all’art.21, comma 4, lett. a)
  • TD25 Fattura differita di cui all’art.21, comma 4, terzo periodo lett. b)
  • TD26 Cessione di beni ammortizzabili e per passaggi interni (ex art.36 DPR 633/72)
  • TD27 Fattura per autoconsumo o per cessioni gratuite senza rivalsa

NUOVI CODICI NATURA
Sarà possibile selezionare una tra le seguenti nature, dettagliate rispetto alle precedenti, così da consentire una contabilizzazione più rapida e precisa oltre che una mappatura diretta con la liquidazione IVA.

Le codifiche generiche non saranno più utilizzabili a partire dal 1 gennaio 2021.

In sostituzione al codice N2 “Non soggette” sono state introdotte:

  • N2.1 Non soggette ad IVA ai sensi degli artt. da 7 a 7- septies del DPR 633/72
  • N2.2 Non soggette – altri casi

In sostituzione al codice N3 “Non imponibili” sono state introdotte:

  • N3.1 Non imponibile – esportazioni
  • N3.2 Non imponibili – cessioni intracomunitarie
  • N3.3 Non imponibili – cessioni verso San Marino
  • N3.4 Non imponibili – operazioni assimilate alle cessioni all’esportazione
  • N3.5 Non imponibili – a seguito di dichiarazioni d’intento
  • N3.6 Non imponibili – altre operazioni che non concorrono alla formazione del plafond

In sostituzione al codice N6 “Inversione Contabile” sono state introdotte:

  • N6.1 Inversione contabile – cessione di rottami e altri materiali di recupero
  • N6.2 Inversione contabile – cessione di oro e argento puro
  • N6.3 Inversione contabile – subappalto nel settore edile
  • N6.4 Inversione contabile – cessione di fabbricati
  • N6.5 Inversione contabile – cessione di telefoni cellulari
  • N6.6 Inversione contabile – cessione di prodotti elettronici
  • N6.7 Inversione contabile – prestazioni comparto edile e settori connessi
  • N6.8 Inversione contabile – operazioni settore energetico
  • N6.9 Inversione contabile – altri casi

NUOVA TIPOLOGIA DI MODALITÀ PAGAMENTO
Sarà possibile selezionare la seguente modalità in aggiunta alle precedenti:

  • MP23 PagoPA

NOVITÀ SULLA RITENUTA
Sarà possibile selezionare una delle seguenti ritenute ad integrazione delle precedenti

  • RT03 Contributo INPS
  • RT04 Contributo ENASARCO
  • RT05 Contributo ENPAM
  • RT06 Altro contributo previdenziale

Il blocco ritenuta diventa replicabile e, al fine di armonizzare i codici delle ritenute con quelle delle CU, sono stati aggiunti 2 nuovi codici da inserire nel campo <CausalePagamento> del blocco <DatiRitenuta>, ed in particolare:

  • M2 = prestazione lavoro autonomo non esercitabile abitualmente
  • Z0 = titolo diverso dai precedenti

OPZIONALITA’ DEL CAMPO IMPORTO BOLLO
Il blocco <DatiBollo> viene modificato rendendo opzionale il campo <ImportoBollo>. Infatti il conteggio dell’imposta di bollo verrà calcolato automaticamente da SDI e sarà sufficiente indicare “SI” nel solo campo <BolloVirtuale>.

AUMENTATI I DECIMALI DI SCONTO/MAGGIORAZIONE
Il campo <Importo> del blocco <Scontomaggiorazione>, passa da 2 a 8 decimali, e questo sia a livello di <DatiGeneraliDocumento> che di <DettaglioLinee>

MODIFICA AI CARATTERI INSERIBILI NEL CAMPO EMAIL
Al fine di limitare l’utilizzo di caratteri speciali, viene controllata la correttezza del campo email grazie all’inserimento di restrizioni sui caratteri inseribili nel campo  <Email> del blocco <DatiTrasmissione>.

NUOVO CAMPO <Sistema Emittente>
Campo opzionale con fini statistici che permette di individuare il sistema che ha prodotto il file XML della fattura elettronica.

Scopri le caratteristiche dell'Hub DocEasy